........................
INCENDI
BOSCHIVI

........................
NOVITÀ

........................
HOME
AMBIENTE

........................
FORUM
NATURA

........................
HOME
OIKOS

 

 

 


Communicato stampa dell'Oikos del 6 agosto 2007

 

DOPO IL ROGO CHE  HA DEVASTATO IL PARCO DEL PINETO  L’OIKOS  PRESENTA UNA DENUNCIA ALLA MAGISTRATURA  E RICHIAMA LA REGIONE LAZIO SULLA OPPORTUNITA’ DI PROMUOVERE UNA CORRETTA GESTIONE DELLE AREE PROTETTE DEL LAZIO


Finirà in Tribunale lo spaventoso rogo che nel primo pomeriggio di oggi ha devastato la parte meridionale del Parco del Pineto, attraversandolo da parte a parte, distruggendo venti ettari di bosco e seminando il panico tra i cittadini che hanno visto minacciate le proprie abitazioni .

L’associazione OIKOS, organizzazione di volontariato da anni attiva nel settore della prevenzione degli incendi,  ha annunciato la presentazione di un esposto-denuncia finalizzato a verificare le responsabilità della Amministrazione comunale e dell’Ente regionale “Romanatura” deputato alla gestione delle aree naturali protette del Comune di Roma in merito al rispetto delle misure preventive fissate dalle vigenti disposizioni per la difesa del patrimonio boschivo dagli incendi, che ogni anno vengono ribadite da specifiche disposizioni locali.

“ Ogni anno registriamo i problemi di sempre – afferma il segretario dell’associazione Alfonso D’Ippolito – senza considerare il processo di continuo degrado che investe il territorio e dimenticando, soprattutto, che i boschi e le aree verdi bruciano a causa della incuria in cui sono tenuti.  “ 
 Secondo i responsabili dell’’Oikos   la gravità dell’incendio di oggi pomeriggio  è stata  determinata dal non rispetto degli obblighi  descritti tra gli interventi preventivi per la difesa dei boschi dagli incendi che impongono, peraltro, anche alla amministrazione comunali gli interventi  di  ripulitura sui terreni espropriati. e su quelli di pubblico demanio nonchè dalla mancata predisposizione di una mappa  del rischio da parte dell’Ente Regionale Romanatura che consentisse di individuare in tempo utile le aree da destinare alle misure urgenti sostitutive (le cosiddette ordinanze in danno) .  
Per questo l’associazione con la denuncia che verrà depositato  nei prossimi giorni a Piazzale Clodio chiederà alla
Magistratura  

- di verificare l’operato dell’Amministrazione comunale di Roma e dell’Ente Regionale ”Roma Natura”  di cittadini privati o di altri Enti a qualsiasi titolo coinvolti nella proprietà o nella gestione dell’area colpita dall’incendio,  in merito alla esecuzione degli interventi preventivi previsti dalle vigenti normative .

-  di  verificare le responsabilità da parte dell’Ente  “ Roma Natura ” in merito alla mancata predisposizione della mappa del rischio,  in merito alla attivazione del servizio di sorveglianza sul territorio del Parco ( dove operano guardiaparco tutti i giorni (compresi i festivi) dalle ore 8,000 alle ore 19,00) e in merito alla predisposizione di un sistema di vigilanza antincendio autonomo .

Ai vertici regionali del Lazio i responsabili dell’ OIKOS hanno, inoltre, nuovamente evidenziato l’opportunità di promuovere una corretta politica di fruizione delle riserve naturali e delle aree protette  della regione  che,  dopo essere state valorizzate dalla  emanazione della LR 29/97, vengono di fatto penalizzate da una gestione incapace di arrestare un processo di incalzante degrado .

" Occorre iniziare a valutare il fenomeno degli incendi boschivi in una prospettiva strategica di gestione delle risorse forestali e di riordino degli equilibri idrogeologici -  conclude il presidente della associazione Vincenzo Minissi - " Bisogna promuovere un piano che imponga ai comuni e agli enti coinvolti nella gestione delle riserve naturali  di impegnare le risorse destinate allo spegnimento, in opere di prevenzione consistenti che puntino sulla rimozione della vegetazione infestante e sulla cura dei boschi "

 

 

BACK

 

INIZIO
PAGINA

 

HOME AMBIENTE | NOVITÀ AMBIENTE | FORUM NATURA | HOME OIKOS