Fondazione dell'FSC Italia

 

Il 24.10.01, presso la sede dell'agenzia ecologica del Corpo forestale dello Stato, in via Salandra, 44 - Roma, ha avuto luogo l'assemblea costituente del Gruppo di Lavoro Italia del Forest Stewardship Council, federazione internazionale non governativa che utilizza la certificazione dei prodotti forestali come strumento per creare valore aggiunto, attraverso l'apposizione del proprio logo riconoscibile da parte del consumatore finale, su quei prodotti che utilizzano materia prima proveniente da foreste gestite in maniera sostenibile secondo i criteri e principi formulati dallo stesso FSC e che tengono conto della conservazione ambientale, dei diritti delle popolazioni indigene e del rispetto dei diritti umani e dei lavoratori forestali. Vedi su internet: www.fscoax.org . Il sistema di certificazione FSC è l'unico operante a livello globale e anche quello che ha ottenuto il maggiore successo con al momento circa 24 milioni di ettari di foreste certificati in moltissimi paesi (11.000 in Italia). L'Italia rappresenta un paese chiave per l'FSC non tanto per la tutela delle proprie foreste che certamente corrono molti meno rischi che non quelle della maggior parte dei paesi del mondo, bensì in quanto è fra i primi paesi attivatori di flussi di import-export di legname e comunque il maggior esportatore al mondo di mobilio e altri prodotti finiti. Il consumatore responsabile già da oggi esercita una forte pressione sull'industria del legno italiana, la quale vuole adeguare la sua immagine cercando di armonizzarsi al nuovo mercato dei prodotti e materiali eco-certificati. Nel giorno della sua nascita hanno aderito all'FSC Italia 22 membri divisi in 3 "camere": "ambientale" (6 membri, fra cui l'OIKOS), "economica" (11 membri) e sociale (5 membri). Presidente è stato eletto il sig. Raffaele Rigato (titolare di un mobilificio). 

Per
informazioni: Laura Secco FSC National Contact Person c/o Dip. TESAF - Università di Padova e-mail: lasecco@agripolis.unipd.it  Tel. 049-8272692  Fax 049-8272772

L'FSC Italia è partito con un eccellente consenso di idee e strategie da parte dei convenuti. Si dovrà comunque lavorare duro a che l'iniziativa non rimanga confinata al solito gruppo degli "addetti ai lavori", specialmente nei confronti sia delle politiche nazionali e locali, con l'obiettivo di favorire l'adesione dei gestori boschivi allo schema di certificazione, a tutela delle foreste e degli interessi economici dei gestori stessi, sia nei confronti di quelle estera, di commercio estero e di cooperazione allo sviluppo, con l'obiettivo di favorire sia come Italia che come UE, l'importazione di materiali certificati a beneficio di chi tutela le foreste nei paesi minacciati dalla deforestazione, e l'esportazione di prodotti certificati a beneficio di uno dei settori economici più importanti nella nostra bilancia commerciale e che genera circa mezzo milione di posti di lavoro a livello nazionale.

 

HOME OIKOS | HOME AMBIENTE